1.    Ratifica Nomina Collegio dei Probiviri;
2.    Nomina Collegio Revisori dei Conti;
3.    Eventuale Organizzazione Attività Natalizie;
4.    Dimissioni Soci;
5.    Rinnovo Adesione Co.Re.Si. per il 2012;
6.    Varie ed eventuali.

L’anno Duemilaundici addì 20 del mese di Dicembre in S.Stefano di Camastra, in via Rosario, n° 24 ,presso la sede sociale ,

alle ore 18,30, si è costituito il Consiglio Direttivo della Società Operaia MS, per discutere e

deliberare sul seguente ordine del giorno:
1. Ratifica Nomina Collegio dei Probiviri;
2. Nomina Collegio Revisori dei Conti;
3. Eventuale Organizzazione Attività Natalizie;
4. Dimissioni Soci;
5. Rinnovo Adesione Co.Re.Si. per il 2012;
6. Varie ed eventuali. 
Assume la presidenza il sig.Mascari Tommaso, quale Presidente del Consiglio Direttivo, il quale constatata la

regolarità delle comunicazioni dell’avviso di convocazione e il numero legale dei Consiglieri.


Sono Presenti:
Mascari     Tommaso                   
Torcivia     Santo                       
Piscitello     Raimondo                   
Cianciolo    Giuseppe                   
Boscia        Sebastiano           
Patti        Giovanni

Ciavirella    Giuseppe                   
Turdo        Luigi                       
Arcidiacono    Sebastiano                   
Mugavero    Rocco                       

Assente giustificato, per motivi di lavoro, Amoroso Alessandro.

con la presenza di 10 su 11 Consiglieri  aventi diritto di voto, dichiara valida la seduta di consiglio e chiama

il sig.  Piscitello Raimondo a fungere da segretario.
Si passa cosi a trattare il 1° punto posto all’ordine del giorno:

1.Ratifica Nomina Collegio dei Probiviri
Il Presidente fa presente che, poiché le richieste dei soci candidati a far parte dell’organo dei probiviri sono state cinque,

così come i componenti previsti dallo statuto, durante le elezioni si è raggiunta l’intesa coi capolista,

di considerali direttamente eletti senza votazione.
Si mette perciò ai voti la convalida del documento, che si acquisisce agli atti.
Si procede con la fase di voto e si approva all’unanimità dei presenti.  
2. Nomina Collegio Revisori dei Conti;
Si approva all’unanimità di rimandare tale punto alla prossima seduta così da permettere a tutti i soci aventi i requisiti,

di avanzare la propria disponibilità, a mezzo richiesta scritta da sottoporre all’approvazione del Consiglio.

3. Eventuale Organizzazione Attività Natalizie
Viene evidenziato che sono in corso i preparativi per la festa di Natale,  a tal proposito viene presentato un programma,

corredato da un bilancio di spesa provvisorio, si chiede l’autorizzazione ad un impegno a carico del sodalizio pari a 250,00 euro.

Dopo analisi e suggerimenti per l’attività , il consiglio all’unanimità approva.
4. Dimissioni Soci;
sono pervenute le dimissioni da socio effettivo del Signor Ricciardi Antonio per motivi personali, il consiglio ne prende atto e

puntualizza che, come previsto dallo statuto non avrà diritto ad alcun indennizzo o rimborso di qualsiasi natura.

5. Rinnovo Adesione Co.Re.Si. per il 2012
Il Presidente  comunica  che  dal 2008 esiste il COMITATO REGIONALE SICILIANO DELLE SOCIETA' DI MUTUO

SOCCORSO" (CO.RE.SI.), costituito dai presidenti di società di mutuo soccorso della Sicilia

fra i quali l’allora Presidente della Società Operaia di S.Stefano di  Camastra.

La procedura adottata per la costituzione è considerata in violazione del nostro statuto. Si dà lettura

dell’atto deliberativo di riferimento.

A questo punto si accende un dibattito e il presidente chiarisce al consigliere Ciavirella, di essere presente

questo Consiglio quale componente e non come Presidente del Co.Re.Si ed è in questi termini che dovrà intervenire.

Alla fine dei commenti il Consigliere Ciavirella  chiede e ottiene di poter fare una dichiarazione e su dettatura afferma:
“ Il sottoscritto Giuseppe Ciavirella e i consiglieri Turdo L., Arcidiacono S. e Mugavero R., ritengono che l’iscrizione al Co.Re.Si

a sua volta effettuata attraverso una delibera del consiglio Direttivo è stata regolare, in quanto

si è attenuta ai principi dello Statuto della Società Operaia di S.Stefano di Camastra, anche perché il medesimo

ci è stato consigliato dal Notaio Avv. Laura Messina.

Non siamo d’accordo sulla revoca di adesione al Co.Re.Si. in quanto ciò comporterebbe una caduta di prestigio del Nostro sodalizio

ma anche la possibilità concreta , una volta approvata la legge, a non poter usufruire di finanziamenti Regionali. Invitiamo

pertanto il Presidente e il Consiglio tutto a voler consultare un legale di loro fiducia, così da verificare la legalità amministrativa

dell’atto deliberatorio di adesione al Co.Re.Si.  e successivamente su decisione Assembleare trarre la volontà dei soci “

A questo punto prima di passare a votazione, il Presidente afferma:
“Non entro nel merito delle finalità dei benefici, tantomeno della legalità delle azioni; chiedo ai consiglieri di votare di recedere

dal far parte del Co. Re.Si. in quanto la decisione di costituire una società, fra l’altro parallela alla nostra, non è prevista dallo

statuto. Titolo 1 - Natura e scopo della società Operaia  è quello di estendere e rafforzare i vincoli di solidarietà tra le

associazioni consorelle aventi scopi analoghi.
La procedura adottata per autorizzare di costituire il Co.Re.Si.  rispetta lo statuto dello stesso, ma vìola l’unico statuto che

questa assemblea ha ufficialmente riconosciuto e approvato e a cui questo Consiglio deve attenersi.

Se questa società riconosciuta dalla legge 3818/1886, e vorrà formulare richieste di finanziamento Regionale, potrà farlo direttamente.
Nei tre anni che si sono  susseguiti dalla costituzione del Co.Re.Si, questa assemblea è stata chiamata solo ad approvare spese sostenute

dai rappresentanti e non per essere informata dei benefici, che ad oggi non sussistono se non nella speranza.

Ritengo che quanto deliberato dal Consiglio direttivo con del. 22 dell’01/10/2008  rappresenta una scelta soggettiva,

così come il decidere di continuare a farne parte. Lo statuto del Co.re.si non è uniformato al nostro o viceversa,
attualmente è rappresentata da un Presidente che contrariamente a quanto previsto dallo stesso statuto,

non rappresenta la propria società di provenienza.
Sono state previste delle modifiche allo statuto del Co.Re.Si a cui questa assemblea, tantomeno il Presidente,

non hanno partecipato per esprimere parere, vi sono degli articoli modificati,  difformi per definizione, rispetto al nostro statuto.

Sin dall’inizio del mio mandato, ho dichiarato che trasparenza e partecipazione saranno principi che mi guideranno nell’ amministrazione

di questo sodalizio e non intendo rendermi complice di violazione dello statuto. La costituzione del Co.Re.Si., avvenuto con la

titolarità di firma, rappresenta atteggiamento di autorità e di abuso.
A questo punto il consigliere Mugavero , accusa il Presidente di forzare la volontà degli altri consiglieri e il Consigliere Torcivia

interviene per precisare di sentirsi libero di esprimersi, così come gli altri, chiarendo che,  la volontà di recedere è stata coltivata

anche nella passata amministrazione, di cui faceva parte, senza che si riuscisse a concretizzarla.
Il Presidente invita i Consiglieri a votare per alzata di mano la proposta di non rinnovare l’adesione al Co.Re.Si e

quindi di recedere dal farne parte.
Con 6 voti a favore, il consiglio, delibera di recedere l’adesione al Co.Re.Si.
6. Varie ed eventuali
Il Presidente prospetta l’intensione di voler realizzare due bacheche mobili da utilizzare:
- n° 1 bacheca a disposizione di inserzioni a favore dei Soci ( vendite, ricerca lavoro, offerte lavoro, ect);
- n° 1 bacheca per le pubblicità o comunicazioni di terzi.

I sottoscritti consiglieri Ciavirella, Turdo, Arcidiacono, Mugavero, chiedono, di inserire all’O.D.G. del prossimo

consiglio direttivo utile, la trattazione del seguente argomento:

“Analisi, discussioni e soluzioni problematica concessione contributo per i Soci defunti”.-


Alle ore 20,30,  non essendovi altro da deliberare, il presidente del Consiglio, ringrazia i presenti e dichiara chiuso il Consiglio del 20/12/2011.

Il presidente                                                                                                           Il Segretario

(Mascari Tommaso)                                                                                              (Piscitello Raimondo)