1.Rendiconto I° Semestre 2012;
2.Accettazioni Soci;
3.Acquisto bacheca esterno;
4.Autorizzazione apertura c/c bancario per accantonamento T.F.R dipendenti;
5.Eventuale sistemazione locali interni;
6.Varie ed Eventuali.

L’anno duemiladodici addì trentuno del mese di agosto in S.Stefano di Camastra, via Rosario, n° 24 , presso la sede sociale , alle ore 18,15, si è costituito il Consiglio Direttivo della Società Operaia MS, per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:

1.Rendiconto I° Semestre 2012;
2.Accettazioni Soci;
3.Acquisto bacheca esterno;
4.Autorizzazione apertura c/c bancario per accantonamento T.F.R dipendenti;
5.Eventuale sistemazione locali interni;
6.Varie ed Eventuali.

Alle ore 18,35 constatato il numero legale, presenti i Consiglieri Ciavirella, Cianciolo, Patti, Piscitello, Boscia, Arcidiacono e Mugavero, il Presidente Torcivia dichiara aperta la seduta. Svolge la funzione di segretario il Consigliere Piscitello.
Risultano assenti  Mascari,  Turdo  e Amoroso.
Si passa così a trattare il 1° punto all’ O.D.G;
Viene presentato al Consiglio il Bilancio Consuntivo del I° semestre 2012 consegnato dall’ ex Presidente Mascari.
Il Presidente Torcivia precisa che le scritture contabili del bilancio risultano supportate da regolari pezze d’ appoggio, ovvero relativa fattura o/e nota spese. Il Presidente precisa che sarebbe stato più opportuno che alcune note spese fossero a firma di coloro che hanno svolto la prestazione, invece di essere firmate dall’ ex Presidente. Contesta inoltre la non uniformità relativa alle spese di carburante sostenute per i viaggi a S. Agata di Militello e la mancanza di tempestività nella registrazione di alcuni movimenti contabili ( spese ed incassi di carnevale registrate e documentate soltanto a fine giugno 2012).
Interviene il Consigliere Cianciolo che dichiara quanto segue:
“ In qualità di cassiere di questo sodalizio, in riferimento al I° rendiconto semestrale 2012 declino ogni responsabilità poiché materialmente le registrazioni contabili a partire dal I° aprile 2012 non sono state elaborate dal sottoscritto. La causa di ciò è dovuta al fatto che non conoscendo il programma gestionale utilizzato dall’ ex Presidente, non mi ha permesso di svolgere autonomamente la mia funzione”.

Chiede ed ottiene la parola il Consigliere Ciavirella, la cui dichiarazione viene allegata alla presente delibera:
Sig. Presidente e Signori Consiglieri,
dopo aver preso visione del rendiconto del I° semestre 2012, e dopo aver attentamente ascoltato gli interventi che mi hanno preceduto, non posso che prendere le distanze e non approvare il rendiconto preso in esame per i seguenti motivi:
1. Il rendiconto sottoposto all’esame del Consiglio, presenta diverse anomalie, sia sotto l’aspetto contabile che sotto l’aspetto esplicitamente procedurale.
2. Per quanto concerne l’aspetto contabile, esso non puo’ essere approvato, in quanto, come asserisce lo stesso Cassiere, è frutto di una serie di scritture contabili  del Presidente, nel senso che tutte le spese e/o le annotazioni sul registro Cassa, sono state eseguite dal Presidente, senza che il Cassiere ne fosse a conoscenza, né tanto meno l’Ufficio di Presidenza, almeno così sembra di aver capito.
Non assumendosi il Cassiere, ma anche l’Ufficio di Presidenza, la responsabilità di quanto contabilmente è stato fatto in questo semestre, è naturale che tutto il Consiglio deve astenersi da una eventuale approvazione, salvo che il Consiglio Direttivo, decida di inviare al Collegio dei Revisori dei Conti la suddetta contabilità e lo stesso Organo, espletate le dovute competenze, anche in ordine ad eventuali specifiche competenze previste dallo Statuto Sociale, ne potrà prenderne solo  atto.
3. Per quanto invece riguarda, l’aspetto procedurale, di quanto è stato fatto in questi mesi, nel sottolineare che sono venuti meno alcune inosservanze di norme da parte dello stesso Presidente allo  Statuto Sociale, invito il Consiglio a riprendere la civile discussione al riguardo dei punti posti all’ordine del giorno interrotta bruscamente, violandone i più elementari principi di democrazia, dall’ex Presidente, esaminando dettagliatamente l’attività autonoma amministrativa dello stesso.
4. In particolare, Signor Presidente, si desidera conoscere se l’importo di €. 165.00 presente alla voce “Collaborazioni Volontarie” nel rendiconto semestrale, a che cosa si riferisce, e se questa spesa è stata autorizzata dal Consiglio o dall’Ufficio di Presidenza, meglio ancora, se i motivi di questa spesa sono stati tali a giustificarne la validità;
5. Si vuol sapere, inoltre, se la somma di €.570.00 alla voce “ Spese Biliardo”, sono state deliberate dal Consiglio Direttivo, o se ne fosse a conoscenza l’Ufficio di Presidenza;
6. Si fa rilevare che l’Art. 47 dello Statuto Sociale, recita testualmente:” Il Presidente firma gli atti e la corrispondenza ed autorizza le piccole spese, fino ad un massimo di €.500,00 ( cinquecento/00 ).
7. Si vuol sapere  la spesa complessiva che riguarda la pitturazione dei Locali Sociali e con quale modalità il Consiglio Direttivo ne ha deliberato l’incarico;
8. Inoltre, si desidera conoscere e capire, quanti effettivamente sono stati gli “Ospiti” di Carnevale ed il relativo importo complessivo, e le relative autorizzazioni per lo svolgimento delle serate danzanti deserte. Mi permetto, Signor Presidente, ancora una volta sottolineare che in esecuzione a quanto disposto dall’art.5 della Legge del 1886 n. 3818 il ruolo e la funzione del Consiglio Direttivo in seno alle Società di Mutuo Soccorso, esso ha infatti, il compito di definire gli indirizzi operativi della stessa Mutua e di provvedere alla gestione della stessa in conformità alle previsioni legislative e statutarie, assumendo le relative deliberazioni. Mi sembra, abbastanza chiaramente che dette funzioni, da qualcuno sono state calpestate e mortificate. Per tali ragioni, il sottoscritto,chiede ai Signori Consiglieri di non approvare il rendiconto semestrale di cassa del 2012, rinviarlo al Collegio dei Revisori dei Conti per gli accertamenti di competenza e chiederne anche di controllarne non solo la spesa, ma anche l’aspetto procedurale di competenza, considerato che molte di queste spese risultano non essere autorizzate dal Consiglio Direttivo.
Conclude il Presidente che dichiara quanto segue:
“ Per i motivi descritti nella lettera aperta inviata all’ ex Presidente Mascari dove venivano contestate la modalità di assegnazione per la tinteggiatura locali, la mancata discussione in Consiglio per la spesa relativa alla sostituzione del panno del biliardo e per la serata danzante andata poi deserta, il rendiconto semestrale gennaio/giugno 2012 non trova l’ approvazione da parte mia e dei Consiglieri Cianciolo, Patti, Amoroso, Boscia e Piscitello”.
A questo punto il Presidente propone di votare il I° bilancio semestrale.
Dalla votazione si evince che il I° bilancio semestrale non viene approvato all’ unanimità.


2° punto all’ O.D.G.
Con voto unanime viene accolta la domanda di socio effettivo del signor Buttà Vincenzo.


3° punto all’ O.D.G.
All’ unanimità viene autorizzata la spesa per l’ acquisto di una bacheca per esterno.
Alle ore 19,05 entra il Consigliere Amoroso Alessandro.


4° punto all’ O.D.G.
All’ unanimità dei presenti viene autorizzata l’ apertura di un c/c bancario per l’ accantonamento del T.F.R. relativo ai dipendenti.


5° punto all’ O.D.G.
Viene esaminata la proposta del Consigliere Patti Giovanni per apportare delle modifiche all’ interno dei locali sociali, per sfruttare al meglio alcune attività ( biliardo, TV e sala lettura ). In attesa di approfondire l’ argomento, il Consiglio autorizza il Consigliere Patti a verificare gli eventuali costi mediante la presentazione di preventivi.


6° punto all’ O.D.G.
Il Presidente porta a conoscenza del Consiglio che attualmente bisogna ancora incassare circa 1.950,00 euro in merito al contributo straordinario stabilito dall’ Assemblea dei soci. Visto che i tempi stabiliti dall’ Assemblea sono scaduti e che l’ art. 22 dello Statuto prevede che tutti i soci sono tenuti al pagamento regolare dei contributi stabiliti dall’ Assemblea e che gli inadempienti vengono radiati dal sodalizio, nella prossima riunione di Consiglio saranno presi i relativi provvedimenti.
Inoltre il Presidente comunica di aver autorizzato la Sig.na Micaela De Marco di Patti (Me), ad utilizzare il  logo del nostro sodalizio, per la sponsorizzazione relativa alla sua partecipazione alle finali di Miss Italia 2012. La sponsorizzazione non avrà nessun costo per la Società Operaia.


Alle ore 19.30 non essendo altro da discutere il Presidente  dichiara sciolta la seduta.
Rimangono assenti ingiustificati i Consiglieri Turdo e Mascari.
S. Stefano di Camastra 02/09/2012.

Il PRESIDENTE                                                      IL SEGRETARIO
SANTINO TORCIVIA                                             RAIMONDO PISCITELLO